Configurations Error(!)
GASPARE (Nino Formicola)

GASPARE (Nino Formicola)

Un mito: dallo storico DRIVE IN passando per Striscia la Notizia ZELIG al 2014 con GIASS

Giuseppe Giacobazzi

Giuseppe Giacobazzi

Il 'poveta romagnolo' divenuto la colonna di ZELIG!

Ale e Franz

Ale e Franz

Il duo comico italiano per antonomasia!

ORGANIZZATI CON SAMIGO

ORGANIZZATI CON SAMIGO

Creazione di EVENTI per convention, teatri, rassegne, feste...

Enrico Brignano

Enrico Brignano

Per spettacoli e convention aziendali

Enrico Bertolino

Enrico Bertolino

Per spettacoli comici ed eventi aziendali di formazione motivazionale

Marco Della Noce

Marco Della Noce

W LA FERRARI!

Cochi e Renato

Cochi e Renato

QUELLI DEL CABARET Varietà con Band dal vivo... con Cochi e Renato Regia di Renato Pozzetto

BAZ (Marco Bazzoni)

BAZ (Marco Bazzoni)

Il lettore multimediale di Colorado Cafè

Maurizio Crozza

Maurizio Crozza

Il genio della risata intelligente: trasformista, tagliente, sottile, vero, unico, irresistibile!

MISS...ione ROCCO!

MISS...ione ROCCO!

Rocco Il Gigolò il paladino delle 'DONNE', testimonial per serate Miss e Concorsi di bellezza

Teresa Mannino

Teresa Mannino

Conduttrice di ZELIG! Volto famigliare della tv, tra film e spot...

Diego Abatantuono

Diego Abatantuono

Comico, attore, conduttore! Un Artista Eccezzziunale... veramente!

  • GASPARE (Nino Formicola)

    GASPARE (Nino Formicola)

  • Giuseppe Giacobazzi

    Giuseppe Giacobazzi

  • Ale e Franz

    Ale e Franz

  • ORGANIZZATI CON SAMIGO

    ORGANIZZATI CON SAMIGO

  • Enrico Brignano

    Enrico Brignano

  • Enrico Bertolino

    Enrico Bertolino

  • Marco Della Noce

    Marco Della Noce

  • Cochi e Renato

    Cochi e Renato

  • BAZ (Marco Bazzoni)

    BAZ (Marco Bazzoni)

  • Maurizio Crozza

    Maurizio Crozza

  • MISS...ione ROCCO!

    MISS...ione ROCCO!

  • Teresa Mannino

    Teresa Mannino

  • Diego Abatantuono

    Diego Abatantuono

“Ci credi o no”. Dalla grande scuola del Pop Italiano arriva con impeto e carattere il primo singolo di LUCA MANCINO. Il brano anticipa l’album “Libera” in uscita nel prossimo Giugno . (Automatic-Protosound-Cramps-Edel) Ci credi o no Radio Date 24 Maggio 2013

“Ci credi o no”, è il singolo che anticipa l'album d'esordio di Luca Mancino , ritornello solare e temperamento rock condito da una possente e perfetta sezione ritmica con un intreccio di chitarre british che in alcuni passaggi ci ricordano vagamente quelle degli Stones. Il finale è una sorta di omaggio agli Who, con un crescendo di potenti chitarre...un pezzo coinvolgente che contiene tutte le caratteristiche del miglior pop italiano . Tanto coraggio nell'affrontare il mondo del Pop dove forse tutto è stato già detto. Luca però ci mette grinta , bravura e passione tanto da farci scoprire delle sfumature che lo caratterizzano e soletticano il nostro palato musicale . Un singolo che perepara la strada ad un album tutto da scoprire. Crediamo sicuramente in Luca Mancino giovane cantautore e musicista molisano che inizia sin da adolescente ad interessarsi alla musica e alla chitarra.Trasporta la sua forte passione per la musica anche negli studi, infatti si Laurea in “Economia Aziendale”, discutendo una Tesi sperimentale sull’Industria discografica. Subito dopo partecipa al “Corso in Organizzazione di Eventi Musicali” organizzato da Luciano Vanni Editore, con uno Stage e Tirocinio all’interno dell’organizzazione di Terni in Jazz fest#6; e non per ultimo uno “Stage di Giornalismo Musicale”

VIDEO CLIP "CI CREDI O NO"

Dim lights Embed Embed this video on your site

Ufficio Stampa Protosound Polyproject Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Promoradio DCOD Communication Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Quarto album per la band partenopea: uno stile che unisce le sonorità del rock con quelle più soft del dub-reggae,  il tutto sapientemente mixato con l’utilizzo dell’elettronica.

MI PIACE: Il volersi mettere in mostra a tutti i costi, oggi è diventato di fondamentale importanza! Non è importante se quello che si vede non è “perfetto” o bello, ma è importante sapere solo che piace! Da qui nasce l’esigenza di rendere tutta la vita pubblica, mettere a conoscenza degli altri anche delle piccole cose del quotidiano che viviamo.

Guarda il video: http://www.youtube.com/watch?v=G1LyplDhj80

ROCKMATIK  è la storia d’amore tra l’uomo e la macchina,  il vintage e il moderno, l’analogico e il digitale, il passato e il futuro.  Dove tutto si fonde per diventare un unico corpo. Il quarto lavoro discografico dei Palkoscenico è un eterogeneo sound cosmopolita, dove la musica scandisce il ritmo del tempo delle cose, vissute nella quotidianità. Partendo da quella preziosa tradizione, la band si proietta in un futuro che corre sempre più veloce. Napoli, Londra, la Jamaica, New York, si svelano attraverso lo stesso caleidoscopio sonoro, che sviscera il rock, il reggae, il dub e l’elettronica. La potente voce di Lell Tram, la ritmica corposa ed il groove costante, sono le coordinate principali che tracciano la world music dei Palkoscenico. Un progetto che s’impreziosisce ulteriormente grazie alla partecipazione di Dean Bowman ( voce simbolo dell’acidfunk newyorkese  che ha collaborato, con John Scofield, Lester Bowie, Don Byron  e Uri Caine), di Marcello Coleman (voce Almamegretta) e Righteousman, ( voce soul eccellente, artista  attivista nigeriano).

I Palkoscenico nascono nel 1999. Band nata dall’unione di quattro musicisti dell’area nord di Napoli, legati dalla passione per una musica che non va semplicemente ascoltata, ma anche “vista”, vissuta nello spazio limitato di un proscenio, ambiente chiuso e demarcato che perde il suo ambito spaziale e contenutistico per farsi portatore d’emozioni, scosse adrenaliniche. Di un tutto musicale, dalle radici così profonde e ramificate da perderne il filo, ma che trova consistenza in un blocco compatto e ben articolato di ritmiche possenti, “sample” inaspettati, chitarre ben affilate  e melodie coinvolgenti. Una musica che non strizza l’occhio alla benevolenza di alcuno, che ha nella sua stessa molteplicità l’unica giustificazione e ragion d’essere, nell’assenza di uno stile specifico il suo proprio ed originale stile.

Dal 1999 al 2003 suonano in tutti i club d’Italia grazie ad un Ep autoprodotto. Partecipano a numerosi festival, sia come headliner sia come backing band di Elio e le Storie Tese, Africa Unite, Khaled, Roy Paci & Aretuska, Caparezza, Linea 77, Maurizio Capone e Bungt&Bangt, 24 Grana, Yuppie Flu, The Dub Sync, Zion Train, Hignt Tone,  Le Loup Garou, Daniele Sepe. Nel luglio 2002 vincono il I premio al I Festival delle Musiche di Provincia, “Dietro la Nuca della Città”, Caivano (NA).  A novembre 2002 vincono la VI edizione del concorso nazionale “On Stage”, Martellago (VE). Finalisti al concorso nazionale “RockGame 2002″, Napoli. Maggio 2003, finalisti alla IV edizione del Festival “Cantiere Sonoro”, Cremona. Ad agosto, sono vincitori della IV edizione del “Golisano Rock Fest”, Collesano (PA). Il gruppo si aggiudica la partecipazione alle selezioni per il “MEI Festival” 2003.

A settembre, secondi classificati alla prima edizione di “Aritmia Mediterranea”, Molfetta (BA). Vincono il premio critica e il premio “Controradio”, emittente alternativa pugliese, essendo risultati il gruppo più votato in pool radiofonico. Novembre, finalisti al “MEI Festival” 2003.  Inverno 2004, in studio, per la registrazione del primo disco. Giugno 2005, presentazione disco al Teatro Galleria Toledo, Napoli. Luglio 2005, “Festival delle Arti”, Bologna. Settembre 2005, Premio Miglior Bassista a “StereoLab Music Festival”, Salerno. Marzo 2006, “Palkoscenico: il suono in cui viviamo”. Nome dato ad una tesi di laurea presso il Corso di Design dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.  Aprile 2006, si aggiudicano un posto per “Arezzo Wave. Giugno 2008 presentazione disco “Sguardo Attento”, in cui collaborano Marcello Coleman, Zion Train, Sha One, Maurizio Capone; distribuito da Audioglobe. Maggio 2009 nuovo lavoro discografico “Press Loud”, i missaggi vengono affidati a Madaski (Africa Unite). Segue Europ.it, il Tour europeo dal 2010 al 2012 in Germania, Belgio e Olanda.

Voce e chitarra: LellTram  Suoni : TrameBasse   Basso: BasSossio  Batteria: Il Rosso

Label: SuoniVisioni/Vibrartsound Distribuito da Audioglobe

www.palkoscenico.com
www.facebook.com/palkoscenico
twitter.com/palcoscenico
www.youtube.com/user/palkoscenico
www.myspace.com/palkoscenico

PromoRadio ||| PromoVideo |||  L’AltopArlAnte  www.laltoparlante.it - 348.3650978

 

Inciso con Riccardo Zappa, il miglior chitarrista acustico italiano, nasce dalla nostalgia del mare per i suoi colori, gli odori e sapori. Una specie di autoterapia, un viaggio con la fantasia tra i ricordi di posti visti e il desiderio di visitarne altri: il sogno del mare. Un omaggio al Mediterraneo crocevia di culture, dal ruolo spesso sottovalutato


Vittorio Merlo e Riccardo Zappa si conoscono da molto tempo, avendo già collaborato, negli  anni ’80, per poi, come capita, perdersi di vista. Questa collaborazione nasce dalla tensione di Vittorio a “vestire” le sue canzoni in maniera assai personale; tanto da spingerlo, più recentemente, a ricontattare Riccardo Zappa, tramite un social network, per proporgli di gestirne gli arrangiamenti. Il risultato è un tessuto sonoro assai originale, fatto unicamente di chitarre e percussioni, con l’aggiunta di pochissimi colori, come l’accordéon suonato da Patrick Bessire. Riccardo Zappa, secondo i referendum annuali svolti presso i lettori delle due rivista specializzate Chitarre e Guitar Club, risulta essere il migliore chitarrista acustico italiano. Ha pubblicato 19 album ed una autobiografia. Ha collaborato con Fiorella Mannoia, Mina, Mia Martini, Antonello Venditti, Eros Ramazzotti, Gino Paoli, Giorgio Gaber e molti altri. Il singolo è completato da un secondo brano di Vittorio Merlo intitolato “Girasoli” e anch’esso realizzato con gli arrangiamenti e la collaborazione di Zappa.

GUARDA QUI IL VIDEO  http://youtu.be/Q2B1ht6Ew28

Vittorio Merlo coniuga la sua attività di bibliotecario presso la Corte di giustizia dell’Unione europea con la passione per la canzone d'autore, che lo porta a esibirsi in concerti e rassegne musicali in Italia e in Europa. Nei primi anni '80 ha tenuto alcuni concerti a Milano e dintorni per poi trasferirsi per ragioni professionali in Lussemburgo con la sua famiglia (è sposato e ha 5 figli). Dal 1999 al 2003 Vittorio Merlo ha ottenuto un clamoroso successo su MP3.Com: le sue sono state le canzoni italiane più ascoltate del sito pioniere della musica online con oltre 250.000 ascolti. Grazie a questo successo in rete Vittorio ha pubblicato due CD che hanno avuto un buon riscontro di pubblico e critica: “Ho sognato Bruno Vespa” nel 2005 con la produzione di Vince Tempera e “Aicha.it” nel 2007 con Marco Guerzoni.  Sia la stampa nazionale che quella internazionale si è interessata  del "Caso Merlo".

Vittorio Merlo è nato a Milano nel 1959. E' stato segnalato nel 2001 dalla stampa italiana e internazionale come il cantautore italiano più ascoltato in rete (fonti: ANSA, Libération, La Vanguardia, Corriere della Sera, SorrisiCanzoniTV etc.). Nei primi anni '80 ha tenuto alcuni concerti a Milano. Nel 1994 si trasferisce con la famiglia in Lussemburgo. Dal 1999 al 2003 le canzoni di Vittorio hanno ottenuto un clamoroso successo su MP3.Com, considerando anche la natura tipicamente anglofona del sito americano, e sono state le canzoni italiane più ascoltate del sito con oltre 250.000 ascolti. Ciò non ha precluso la vendita in tutto il mondo, non solo in Lussemburgo e in Italia, ma anche in Germania, in Francia, Spagna, Bulgaria, Grecia, in Canada, negli Stati Uniti, in Giappone e a Singapore.  Ha partecipato con successo a diverse rassegne musicali come il MEI o il Festival Una casa per Rino Gaetano dove nel 2003 è arrivato terzo con grande successo di pubblico dietro a Simone Cristicchi. La stampa internazionale si è interessata al successo di Vittorio Merlo in rete e il quotidiano francese "Libération" e quello spagnolo "La Vanguardia" gli hanno dedicato 2 articoli dai titoli suggestivi: "Vittorio Merlo: Caruso du MP3" e "Ha nacido una estrella".

In Italia l'ANSA, il Corriere della Sera e i principali quotidiani e settimanali hanno dedicato articoli al successo di Vittorio Merlo in rete. Il mensile di settore "Musica e dischi" ha dedicato uno speciale internet sulla musica in rete a partire dal "Caso Merlo". Nel 2005 è uscito il suo primo CD prodotto da Vince Tempera e realizzato con la collaborazione di Roberto Manuzzi. intitolato "Ho sognato Bruno Vespa" presentato da Fiorello a Vivaradio2 , da Fegiz nel suo programma FegizFiles, Demo, Notturno italiano, Radio Capital. Nel 2005 Vittorio Merlo ha partecipato al Festival della canzone italiana d'autore di Monaco di Baviera, ed è stato uno dei vincitori della Rassegna Ewiva di Milano, e del Premio Speciale della giuria del Premio Augusto Daolio. Due sue canzoni sono state anche pubblicate nella seconda raccolta per bambini della trasmissione Crapapelata. Nel corso del 2006 Vittorio ha cominciato a collaborare con Marco Guerzoni, per lo spettacolo e CD Lettere dal silenzio ha composto le musiche di due canzoni. Nel corso dell'anno ha partecipato all'Extrafesta di Radio Popolare, al Festival musicale analcolico e a Imola in musica. Importante il riconoscimento ottenuto a San Vito dei Normanni al Festival in ricordo di Franco Fanigliulo. Nel 2007 è continuata la collaborazione con Guerzoni e in aprile è uscito il secondo CD di Vittorio, in duo con Marco, intitolato Aicha.it. Il disco contiene il brano Non voglio che amore, adattamento italiano di Vittorio di Aicha, la canzone di Jean Jacques Goldman portata al successo da Khaled, ed ha ottenuto un ottimo riscontro. Contemporaneamente al CD è uscito anche il videoclip di Non voglio che amore, realizzato dall'amico d'infanzia e prestigioso film-maker Giuseppe Baresi. Il video ha vinto il Primo premio al Festival di Cortometraggio. Nel marzo 2009 Vittorio ha messo in rete con grande seguito il video fotografico e il file mp3 della sua nuova ballata ispirata e dedicata a C.T., mitico personaggio profetico della zona Garibaldi-Castello della Milano degli anni 70. Carlo Torrighelli girava con un triciclo, tre cani e vernice bianca per Milano e lasciava le sue scritte sui marciapiedi del quartiere di Vittorio. Il Castello Sforzesco era circondato dalle sue scritte profetiche: "La chiesa ti uccide coll'onda", "Nel mondo esistono onde che torturano e rovinano e uccidono da lontano", "Radio e televisione basta versi da gorilla ma cultura". Nel 2012 ha partecipato a M'illumino di meno, iniziativa del programma radiofonico Caterpillar con la sua canzone "Recupero energia", realizzata con la collaborazione dei suoi figli.

http://vittorio.merlo.lu
http://www.facebook.com/vittorio.merlo

L'AltopArlAnte  PromoRadio ||| PromoVideo   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - Tel. 3483650978

 

Altri articoli...

Pagina 7 di 47

7

Seminario PUBLIC SPEAKING "La parola alla VOCE" per cantanti, speaker, attori, coach, doppiatori, manager, team leader

Ci piace Samigo!



Musica (R)Esistente: mandaci il tuo mp3

Il best seller "Volevo uccidere Gianni Morandi"

Ascolta l'album AlterIgor

Area riservata