Configurations Error(!)

Lunga Attesa Tour 2016
MARLENE KUNTZ
Live il 23 marzo 2016 al Quirinetta Caffè Concerto
ore 22:00 - via Marco Minghetti 5 - Roma


Dopo  i live europei, parte il tour italiano dei MARLENE KUNTZ che arrivano a Roma, sul palco del Quirinetta Caffè Concerto, il prossimo 23 marzo.

Il grande ritorno discografico dei MARLENE KUNTZ è segnato da “LUNGA ATTESA”, il nuovo album di inediti uscito lo scorso 29 gennaio: il decimo disco di una band che in 25 anni ha segnato la storia del rock italiano e che ha da poco festeggiato il ventennale dall’uscita di “Catartica”.

Il gruppo, che di fatto nell’ultimo anno non ha mai staccato la spina, parte con una nuova scaletta, riappropriandosi di quello che è a tutti gli effetti il proprio tratto distintivo e la propria matrice.

Con questo progetto, che vede la band anche alla produzione, infatti, i MARLENE KUNTZ tornano a quel rock che sono abituati a suonare live sui palchi, quel rock che non li ha mai abbandonati, ma che ha semplicemente assunto forme diverse durante la loro fortunata carriera.

Il 23 marzo, sul palco del Quirinetta Caffè Concerto, alle ore 22.00: CRISTIANO GODANO voce e chitarra, LUCA BERGIA batteria, percussioni, RICCARDO TESIO chitarra oltre che LUCA SAPORITI aka LAGASH.

Prosegue con questo appuntamento il cartellone dello storico teatro romano, che grazie al lavoro artistico di ViteCulture, è tornato a brillare con concerti di qualità (7 aprile Marta sui tubi), con la grande musica colta (Il Classico del Martedì: dal barocco al Jazz), ma anche con la letteratura (Oasi Letteraria) e con il cinema (rassegna Wanted Quirinetta).

Per info: 06.69.92.56.16 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - http://www.quirinetta.com
Biglietteria:  È possibile acquistare i biglietti dal lunedì al venerdì dalle ore 12.00 alle ore 16.00 e nei giorni di concerto anche a partire dalle ore 20.00.
Ticket online: http://booking.viteculture.com/

Ufficio Stampa HF4
Marta Volterra Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. 340.96.900.12
Marika Polidori Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. 339.14.30.275
http://www.hf4.it



2PieR presenta Cristina D’Avena
da Sanremo al Piper Club con i Gem Boy
Piper Club, Via Tagliamento 9 (Roma) - 6 maggio 2016, h 22.00

Da oltre 30 anni voce di sigle TV e non solo, con schiere di fan di ogni età a seguirla in ogni appuntamento live, Cristina D’Avena ospite a Sanremo 2016, ripartirà con un ciclo di imperdibili live che toccheranno il Piper Club di Roma il 6 maggio.

Cristina D’Avena, ormai di casa nel locale romano dove ha collezionato dal 2010 a oggi una serie lunghissima di sold out, tornerà con gli amici/nemici GEM BOY per regalare al pubblico due ore di tuffo nel passato e nell’infanzia condendo il tutto con le dissacranti parodie della cattivissima band bolognese.

Si raccontano tante storie su questo incontro che ha portato poi alla collaborazione tra “Il Diavolo e l’Acqua Santa”. “Ci siamo incontrati la prima volta in un autogrill ma la storia inizia prima...” ha raccontato Cristina D’Avena spiegando la nascita della fortunata collaborazione con il gruppo demenziale.

“I Gem Boy mi avevano dedicato una canzone –che più o meno tutti conoscete- e io ci ero rimasta un po’ male, insomma, non è che mi avesse fatto esattamente piacere. Allo stesso tempo però, mia sorella mi parlava spesso di loro, dicendomi che erano bravi musicisti e cercando di convincermi a incontrarli. Io all’inizio non volevo, e loro insistevano...insomma me l’hanno detto una, due, tre volte e io alla fine ho ceduto a questo famigerato incontro, in autogrill, appunto”.

In attesa di poter vedere Cristina D’Avena nuovamente in TV in prima serata, l’appuntamento è al Piper il 6 maggio, per cantare e ballare sulle note delle canzoni che hanno accompagnato generazioni di bambini e ragazzi.

Prevendite abituali  su circuiti Ticketone.it, Ciaotickets.com e BookingShow.it
Biglietti a partire da 21.00 €

Info: http://www.2pier.it / 06-45548080
Ufficio Stampa HF4 Marta Volterra Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Marika Polidori Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.



DUB ALL SENSE: “P'APPARÀ” É IL SECONDO SINGOLO ESTRATTO DAL LORO ULTIMO ALBUM “BRO” ACCOMPAGNATO DALLO STILE ORIGINALE DI luca il FRONTMAN DEI POLINA

Un brano che racconta una delle pagine più brutte della nostra storia, la “terra dei fuochi”, denunciando anche qui l’indifferenza dello “spettatore“ con un messaggio diretto e chiaro: «vuoi solo apparire o magari vuoi aggiustare le cose?»



BRO è il terzo lavoro discografico nel quale cercano di comunicare la voglia di abbattere ogni frontiera ed ogni confine sia mentale che geografico senza distinzione sociale o colore della pelle, in una sola parola cercano di spazzare via il velo del pensiero razzista che grazie all’indifferenza sta crescendo sempre di più in questo periodo storico. È un disco caratterizzato da numerosi ospiti e vanta la collaborazione di un'eccellenza della produzione dub mondiale, Neil Perch (Zion Train), che ha curato mix e mastering. Il sound è curato da Dubline, produttore e fondatore del progetto DAS.

L'album si compone di 12 tracce ed è arricchito da numerosi featuring da ogni angolo del mondo: da Los Angeles alla Grecia, dal Messico all'Inghilterra fino ovviamente all'Italia.

Gli ospiti di “BRO” sono: Mr.Williamz, Speng Bond, Marina P, Zulù (99Posse), Treble Lu Professore, Luca (Polina), MrDill Lion Warriah, Mc Baco, Fikir Amlak, Fleck, Virtus & JanahDan, TadeoMan.

Il disco è stilisticamente vario e abbraccia molte sfumature della bass music. Impregnato del background dub/reggae con elementi mediterranei dei Dub All Sense, “BRO” è caratterizzato da variazioni sul tema improvvise e spesso sperimentali, come Uk stepper, digital rubadub, echi profondi e ricercate strutture in chiave EDM, ipnotici ritmi dubstep, trip hop, sfacciata jungle.

“BRO” è un gergo della subcultura di questo secolo, forma abbreviata della parola 'brother', fratello. L'universalità di questa sillaba, esaustiva nel suo stesso essere, è una forma di connessione immediata, di superamento di ogni barriera, di provenienza, colore o razza.

“BRO” è inclusivo, è un farne parte, un accogliere, un miscelare esperienze, attimi, passioni. Questo album prende forma nella commistione di talenti, idee creative e generi in un melting pot musicale figlio legittimo dell'era in cui viviamo; un mix sapiente di tradizione e innovazione che non preclude alcun percorso, ma che tende ad accoglierlo in sè per rivelare una sola ed unica anima.

Da sempre per il collettivo DAS la musica è mezzo di cambiamento e di rivoluzione culturale ed è per questo che in “BRO” c'è ampio spazio per liriche incentrate su scottanti temi sociali cosi come è consistente il numero di tracce nate per far ballare l'ascoltatore dal vivo. Questo lavoro può considerarsi un punto di arrivo e contemporaneamente di partenza, un album maturo che guarda alla cultura dei sound system con rispetto, con più di una produzione con quel particolare “taglio”.

La copertina di “BRO” è stata disegnata dal writer Carmine Foschino aka Korvo, la grafica è stata affidata al talento di Luca Tramma.

Il disco è uscito il 30 novembre per l'etichetta 4Weed Records e sarà supportato da RedGoldGreen di Roma e l'ufficio stampa L'Altoparlante di Milano.

DICONO DI LORO:

“Dubstep, trip hop, metropolitane periferie occidentali, elettronica di fino e ipnotiche escursioni sulle rive del mediterraneo. Un incedere Dub proiettato al futurismo digitale, musica dalle proprie mani contro le violenze del mondo reale.” Paolo Tocco, Qube Music

“BRO è il terzo lavoro discografico nel quale cercano di comunicare la voglia di abbattere ogni frontiera ed ogni confine sia mentale che geografico senza distinzione sociale o colore della pelle, in una sola parola cercano di spazzare via il velo del pensiero razzista che grazie all’indifferenza sta crescendo sempre di più in questo periodo storico.” Ritmo in Levare

“Un bellissimo disco che suona di fratellanza per mano e voce di culture apparentemente lontane anni luce”. Red, Sound 36

“questo disco consolida i Dub All Sense tra i protagonisti della scena reggae italiana” Music Coast To Coast

“fratellanza e comunione e si fa opera sociale e si cerca di condividere messaggi importanti per il futuro delle nuove generazioni.” Angelo Rattenni, Exit Well

“Un disco per le nuove generazioni. Rapide e concise le riposte perché non serve tanto altro da dire… da ascoltare tutto d’un fiato.” Blog della Musica

“Al di la degli incisivi elementi strutturali e artistici, il nuovo disco del collettivo gioca carte importanti e dal significato pesante, temi forti che l’intolleranza, l’indifferenza e soprattutto l’ignoranza lasciano abbandonati a se stessi troppo spesso.“ Rockambula

“11 brani che spaziano dal classico Dub a sonorità africane, tribali danze digitali, arredamenti inglesi, andamenti trip hop e jungle e tanto altro ancora. (…) Bellissimo questo terzo lavoro per i Dub All Sense, ratellanza, unione, culture che si incontrano e si fondono assieme, tutti figli di una stessa Terra.” Paolo Polidoro, Musical News

“un disco che già dal titolo urla di rabbia e sussurra preghiere in tutte le lingue possibili. Un disco contro il sistema, di rivalsa e rivoluzione, una voce che spera in una fratellanza globale in cui il popolo è unico sovrano del quotidiano esistere.” Marco Vigliani, Sound Contest

“Con BRO il progetto DUB ALL SENSE segna un punto dritto al centro del tempo che stiamo vivendo. Passaggi. Che non siano passaggi abbandonati a se stessi.” Alessio Primio, 100 Decibel

“Un lavoro specialissimo, un sofisticato cesello di note sorprendente che non può e non deve passare inosservato. Ottimo davvero.” Quadri Project

BIO

Lo scenario è quello di un periodo storico segnato da forti tensioni sociali, dal fermento creativo, dall'innovazione in ambito musicale che segna il progressivo affermarsi dell'elettronica, scomposta in varie forme e differenti generi.

Nel 2008 il collettivo Dub All Sense nasce da un'idea di Luigi 'Dubline' Telese, producer e ideologo del progetto. Il suo background artistico si compone della partecipazione come dubmaster per la band La'brosTer e dj per i sound Sativa Dub Station e Mystical Powa.

Un humus che si amalgama incredibilmente con le influenze sonore di Dubline. Zion Train in primis, prepotentemente rivoluzionari, inventori di genere, energici; ma anche Asian Dub Foundation, Almamegretta (D-Rad), Massive Attack e l'inafferrabilità dei loro suoni, la loro difficile collocazione in un preciso genere musicale, un'anima mediterranea marcata e una ricerca musicale continua.

Il primo lavoro discografico prende il nome di 'Follow the Lion'. Pubblicato nel 2009, il disco vede la partecipazione di Madaski (Africa Unite, Dub Sync) e Paolo Baldini (Alambic Conspiracy, BR Stylers) alla produzione artistica. Collaborano nomi come il batterista Alex Soresini (Africa Unite, Alborosie, Reggae National Tickets) e il rapper Clementino. Partecipa in maniera incisiva alla produzione il percussionista Enzo 'JamOne' Daddio, che entra attivamente nel collettivo DAS. L'album riscuote un ottimo riscontro nazionale ed internazionale, le sonorità calde e la dimensione analog/digital viene percepita nel modo giusto da critica e pubblico. Neil Perch, fondatore degli Zion Train e della label Deep Root, decide di pubblicare su vinile 7pollici il singolo 'Afrika', cimentadosi in un remix della traccia che ne valorizza esponenzialmente il già ricco potenziale.

Questo primo contatto e il feeling nato dai due produttori nelle numerose volte in cui si incontrano live, pone le basi per una collaborazione duratura. Infatti il 2011 è l'anno di 'Goodbye Riot', prodotto da Dub All Sense con la supervisione di Neil Perch, che ne cura il mix e il mastering. La crescita artistica del collettivo DAS è netta e progressiva, le tracce sono più mature e personali, arrangiante e composte interamente da Dubline. Arricchiscono questa nuova produzione voci nazionali ed internazionali del panorama dub/reggae. Marina P, Fitta Warri, MrDill Lion Warriah, Longfingah, Mc Baco, Sista Kinky, sono solo alcuni dei nomi che rendono 'Goodbye Riot' un album ricco di tematiche e di sonorità innovative che immergono l'ascoltatore in un mondo, un ambiente avvolgente, a tratti futuristico. Come successo per 'Follow the Lion', anche in questo caso Neil Perch estrae un singolo 'Collieman' e lo produce su 7pollici per la sua etichetta Deep Root. La copertina dell'album è finemente curata dall'artista Alice Pasquini. 'Goodbye Riot' rivive una seconda volta nel remix ep 'Fear and Loathing from Dub'. L'ep esce nel 2013 per l'etichetta 4Weed Records, con cui Dub All Sense stringerà una stretta collaborazione, e vede ai remix produttori come Mystical Powa, Insintesi, Dziga, I.N.D. e No Finger Nails. L'ep è impreziosito da un inedito con la singer Janis.

Il 2014 è un anno importante per il collettivo DAS sia a livello artistico che personale. Inizia una nuova avventura per il duo campano che decide di trasferirsi a Londra e respirare l'aria, le vibrazioni che tanto hanno influenzato le loro produzioni fino a quel momento.

Il processo creativo, incessante, porta ad una collaborazione con l'etichetta tedesca Lion's Den che, in cooproduzione con 4Weed Records, rilascia l'ep 'Rudebwoy Corporation' su vinile 12pollici.

In questo nuovo lavoro musicale, Dub All Sense collabora con MrWilliamz, Longfingah e MrDill Lion Warriah alla voce e con Zion Train, Jambassa e Welders HiFi ai remix.

Il singolo 'Haffi Bun' feat. MrWilliamz viene scelto dal progetto GreenHouse Seed Company, ideato da Franco Loja, per la realizzazione di un videoclip. Lo storico dj inglese David Rodigan premia la traccia con più di un passaggio radiofonico su BBC Radio 1xtra.

Il drop tra il 2015 e il 2016 viene invece alla luce il terzo album del progetto Dub All Sense: “BRO” che segna la definitiva consacrazione, il punto di arrivo e contemporaneamente di inizio, il momento in cui abbracciare idealmente artisti che hanno ispirato il percorso musicale dei DAS, collaboratori storici della band, nuovi singers e producers.

CONTATTI & SOCIAL:
Facebook: https://www.facebook.com/duballsense
Youtube: https://www.youtube.com/duballsense
Soundcloud: https://soundcloud.com/dub-all-sense
Rockit: http://www.rockit.it/duballsense

Etichetta discografica: 4weed Records



Dal Rinascimento al Contemporaneo: le opere degli Uffizi diventano un progetto discografico
Uffizi Virtual Experience O.S.T. di Roberto Lobbe Procaccini, in uscita l’11 marzo 2016

Il grande Rinascimento italiano rivive di nuovi “occhi” e nuove "orecchie" con la mostra Uffizi Virtual Experience e l'album Uffizi Virtual Experience O.S.T. del compositore Roberto LobbeProcaccini.

400 anni di storia d'Italia raccontata attraverso 1150 immagini digitali ad altissima risoluzione, multiproiezioni immersive e tecnologia abilitante, e musicate daRoberto Lobbe Procaccini: questi sono Uffici Virtual Experience (in mostra alla Fabbrica del Vapore di Milano fino al 10 marzo) e Uffizi Virtual Experience O.S.T., in uscita l’11 marzo 2016.

Un imperdibile viaggio sonoro e visivo attraverso l'immenso patrimonio artistico nostrano, proposto attraverso le nuove tecnologie virtuali e la musica di uno dei compositori italiani più eclettici e prolifici della scena.

Già produttore di The Niro (per cui ha diretto l'Orchestra del Festival di Sanremo), e autore dicolonne sonore e musiche di scena, tra gli altri, per Arnoldo Foà, Giorgio Albertazzi, Carlo Lucarelli, Claudio Insegno, Maurizio Panici e molti altri in Italia e all’estero, Roberto Lobbe Procaccini, dopo i riconoscimenti ricevuti in Giappone con i Midinette, si confronta così per la prima volta con le arti visive, dando vita a un progetto musicale inedito e originale.

Una colonna sonora d'Arte, emotiva e coinvolgente, nata dalla sfida di rendere ancora più vive e presenti le immagini "scomposte" e "animate" digitalmente da Ultraprime sotto la regia di Claudio Focardi, partendo da atmosfere e strumentazioni legate all'epoca con spunti e sviluppi contemporanei.

Dalla mostra al mercato discografico: le musiche di Uffizi Virtual Experience  hanno rappresentato una "missione" talmente tanto riuscita, da convincere Roberto Procaccini a farne un album di 10 tracce dal titolo Uffizi Virtual Experience O.S.T., in uscita in occasione della fine della mostra stessa, che nel giro di pochi tempo ha registrato migliaia di visitatori.

"Lo scopo era descrivere tante situazioni differenti" ha spiegato il compositore, "dall'uomo timorato di Dio fino alla presa di coscienza del proprio ruolo, dalla battaglia fino al gioco. Sono passato quindi dai carmina burana al canto sacro, dalla grande orchestra al liuto e alla ghironda, sempre cercando di rispettare una linea compositiva in equilibrio tra tradizione contestuale (nel '300 ancora non era stata inventata l'armonia come la intendiamo oggi) e una modernità sonora di stampo cinematografico di avventura. Insomma, una sfida enorme e stimolante, da cui è nato un album contemporaneo che propone una sorta di suite divisa in dieci momenti, ricalcando la sceneggiatura della mostra stessa".

UVE è un'idea di Virtuitaly, startup nata, insieme ad altri partner, da Centrica, società fiorentina che si occupa da anni di digitalizzare tutto il patrimonio pittorico italiano.

Uffizi Virtual Experience O.S.T. sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali a partire dall’11 marzo 2016.

Ufficio Stampa HF4 / http://www.hf4.it
Marta Volterra Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. 340.96.900.12
Marika Polidori Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. 339.14.30.275


Altri articoli...

Pagina 5 di 61

5

Ci piace Samigo!



Brani inediti per Interpreti, richiedi informazioni

Vendita immobile zona LANGHE (Piemonte)

NINNA NONNA, la canzone dei Nonni

Il best seller "Volevo uccidere Gianni Morandi"

Italia vaffanculo



POPE is POP - New SAMIGO Production



Area riservata