Configurations Error(!)

BLASTEMA: “ORSO BIANCO” È IL SECONDO SINGOLO CHE ANTICIPA IL DISCO “TUTTO FINIRA' BENE” IN USCITA A OTTOBRE PRODOTTO DA OSTILE RECORDS

“Orso Bianco” si ispira a un episodio della serie inglese "Black Mirror", infatti è l'incarnazione di tutti gli elementi che saranno presenti nel disco: "che per noi è una specie di esercizio paradigmatico giocato sugli elementi essenziali di questo inizio millennio dal sapore di fine secolo."

La sconfitta dell'ideale del gruppo a favore della frammentazione, dove il singolo esplora l'autoaffermazione attraverso l'accettazione della platea che guarda e approva, o peggio e più frequentemente, che guarda e disapprova.

La televisione è intesa come simbolo obsoleto e volgare dell'umanità, della decadenza e dell'automutilazione della personalità, nonchè presagio inquietante di quello che potrebbe accadere al web.

La maturazione sonora (globale) che inevitabilmente fa convergere umanità e in-umanità, trasforma le chitarre in suono, bandisce la tecnica e in qualche caso la elimina superando così definitivamente l'homo electricus, per quello electronicus. Uno spettacolo che si paga caro, da vicino e sulla propria pelle tutto questo è “Orso Bianco” il nuovo singolo dei Blastema

Dopo quasi tre anni dall'uscita del loro precedente lavoro, i Blastema tornano con un nuovo disco dal titolo "Tutto finirà bene".

"C'era qualcosa di sospeso che attraversava le nostre vite, una presenza grigia eterea e incombente, dal quale non riuscivamo a districarci. Per un po' abbiamo cercato di far finta di niente ignorandola, fino a che il peso di questa sensazione di incompletezza è diventata insostenibile. Dovevamo fare qualcosa e abbiamo fatto questo disco. In fin dei conti, una specie di esorcismo sonoro."

Nelle tredici tracce che compongono l'album, l'idea della fine traspare come devota certezza di un cambiamento di stato, che non importa essere migliorativo o peggiorativo, a questo nessun giudizio è pronto, purchè diventi forma d'altro, fine della stagnazione, in molti casi rinascita, in altri sacrificio volontario e cosciente, in altri ancora ritorno.

"Per produrre questo disco sono stati necessari quasi due anni. Abbiamo superato allagamenti, cambi di etichetta, defezioni, distanze. Più di una volta abbiamo pensato di buttare tutto alle ortiche, ma poi c'era quella vocina che sussurrava materna che tutto finirà bene"...

Registrato tra Forlì, Reggio Emilia e Como, questo disco consegna alla maturità il lavoro di Alberto Nanni come produttore e suggella l'intesa con l'etichetta Ostile di Alain Pagani, iniziata anni fa e oggi portata a compimento.

BIO

I BLASTEMA nascono a Forlì nel 1997. Oggi della formazione iniziale restano Matteo Casadei alla voce e Alberto Nanni alla chitarra, alle tastiere c'è Michele Gavelli dal 2004, nell’estate 2012 arriva al basso Luca Marchi. Ad ottobre 2014, dopo una militanza di 13 anni, il batterista Daniele Gambi esce dal gruppo e il suo posto viene preso da Maicol Morgotti.

La scena è quella del rock indipendente, gli anni i primi del nuovo secolo. Senza strappi e con marcia costante i Blastema raggiungono diversi riconoscimenti tra cui: la partecipazione al Tim Tour nel 2004,  la vittoria di SanRemo Rock con il pezzo OPPIO TV e la partecipazione come band rivelazione al MEI di Faenza col singolo THC nel 2005. Nel 2007 entrano nel circuito della storica Casa 139 di Milano, che fino alla chiusura del 2011 rimane uno dei punti cardine della nuova musica indipendente italiana. Nel 2009 si esibiscono all’Italia Wave Love Festival di Livorno.

Nell’aprile 2010 esce il primo disco ufficiale “Pensieri Illuminati” prodotto  dalla band e curato da Alberto Nanni, per la prima volta dietro al mixer come produttore. Il singolo omonimo e il secondo singolo “Spero ci sia” ottengono un buon riscontro sui circuiti digitali. Il tour nazionale è intervallato dalla partecipazione all’Heineken Jamming Festival per Rock TV e dalla performance al WOODSTOCK 5 STELLE a Cesena. La chiusura del Tour invernale è suggellata al Blues House di Milano con una festa/concerto che vede la presentazione del video “Spero ci sia”, il primo raduno del neonato FAN CLUB e la partecipazione straordinaria di Mario Riso (Rezophonic), Ketty Passa (Radio Popolare, Toxic Tuna) e Andrea Ferro (Lacuna Coil).

Nel 2011 i Blastema si chiudono in studio per concentrarsi sul secondo disco e nel 2012 incontrano l’interessamento di ‘Nuvole Production‘, casa discografica di Fabrizio De André© diretta da Dori Ghezzi e Luvi De André. Con Nuvole nasce una stretta collaborazione nel pieno rispetto delle prerogative artistiche del gruppo. Il primo singolo SYNTHAMI è presentato a Roma al concertone del Primo Maggio. Durante l’estate i Blastema presentano il singolo in alcuni appuntamenti importanti tra cui l’Arezzo Wave e l’Ichnusa Festival di Cagliari, insieme a Simone Cristicchi, Negrita e Litfiba. A settembre esce il secondo singolo TIRA FUORI LE SPINE e il disco LO STATO IN CUI SONO STATO è presentato al MEI Supersound di Faenza mentre il brano DOPO IL DUE è in rotazione su Virgin Radio.

Nel 2013 partecipano al Festival di Sanremo nella sezione giovani proposte col brano ‘Dietro l’intima ragione’ classificandosi quarti. Il brano è inserito nella ristampa del disco LO STATO IN CUI SONO STATO. Dopo l’esperienza Sanremese ripartono i live con doppia data teatrale al Petrella di Longiano accompagnati dalla danzatrice acrobatica Elena Annovi. A metà luglio esce il singolo SOLE TU SEI accompagnato dal video clip ed dal progetto RePlay Blastema che vede la pubblicazione delle tracce aperte su internet a disposizione di chiunque le voglia remixare. Il progetto culmina in un evento live al Mei di Faenza in collaborazione con l'amico produttore Izio Orsini ( La notte dei lunghi coltelli).  Fino alla fine del 2013 i Blastema sono impegnati in una intensa e capillare attività live che li vede protagonisti nei festival estivi e in tutti i principali club italiani. Sono inoltre special guest del tour degli SKUNK ANANSIE per le 7 date della band inglese in Italia e opening band dell'unica data italiana dei Beady Eye di Liam Gallagher al Pistoia Blues.

Nei primi mesi del 2014, la collaborazione tra il gruppo e Nuvole production si interrompe e i Blastema decidono di dedicarsi esclusivamente alla stesura del nuovo album, lasciando per il momento da parte i concerti. Il 16 ottobre del 2014 esce il nuovo singolo, “I MORTI”, che anticipa l'uscita del terzo disco prevista per l’anno successivo.

Oggi i Blastema sono: Matteo Casadei (voce), Alberto Nanni (chitarre), Luca Marchi (basso e chitarre) , Michele Gavelli (tastiere), Maicol Morgotti (batterie).

CONTATTI & SOCIAL:
Sito: http://www.blastema.it/
Facebook: https://www.facebook.com/blastema2
Twitter: https://twitter.com/Blastema
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCrJUZBKoERkJrTdTztfiP3w
Instagram: https://instagram.com/blastema/
Itunes: https://itunes.apple.com/it/artist/blastema/id201446449

Valentina Seneci L’AltopArlAnte 
PromoRadio ||| PromoVideo ||| PromoStampa&Web



CNA Day Forlì città: 13 settembre appuntamento al Parco urbano
Musica, spettacoli, sport e tradizione gastronomica al centro della festa

Forlì, 10 settembre 2015 – Il CNA Day di Forlì, giunto alla XVIII edizione, diventa maggiorenne e continua a divertire il pubblico di ogni età, con spettacoli e degustazioni offerti gratuitamente alle migliaia di persone che ogni anno affollano l’evento di CNA Forlì città.  Anche l’edizione 2015 avrà il suo momento clou negli spettacoli: alle 15.30 con la musica dei The Menlove, una apprezzata Beatles tribute band e, alle 16.30, con gli spettacoli dei comici di Zelig: Marco Dondarini, Bove e Limardi.

Importante anche lo spazio riservato alle tradizioni gastronomiche del nostro territorio: nell’area della festa funzioneranno gli stand Dolci bontà a cura di CNA Pensionati e Forlì-Cesena Cuore Buono d’Italia, dove sarà possibile apprezzare la piadina, preparata dalle imprese forlivesi del settore associate a CNA.

Spazio bimbi offrirà animazioni a cura dei Salesiani Don Bosco Forlì, laboratori creativi con CNA Artistico e Tradizionale, aquiloni e truccabimbi.

Interessantissimo per i bambini, ma anche per i più grandi, è lo spazio dedicato al migliore amico dell’uomo: il Gruppo Cinofilo Forlivese, Dog Galaxy ASD, “Smiling-Dog”, il Gruppo Protezione Civile Le Aquile e l’Unità Cinofila della Polizia di Stato, metteranno in scena un pomeriggio di spettacoli ed esibizioni con il cane nel ruolo di protagonista. Obedience, tricks, agility dog, disk dog, free style, educazione cinofila e chi più ne ha più ne metta.

Diverse le iniziative legate allo sport: le esibizione della Scuola di Ballo The Boys Rock Club ASD, e il tradizionale saggio di ginnastica ritmica con Gymnica ’96.

Il CNA Day sarà anche un’occasione per la città per abbracciare la propria squadra di calcio, vittima delle ultime sorprendenti vicende legate alla giustizia sportiva, con l’incredibile sentenza che riabilita Teramo e Savona in Lega Pro. Saranno ospiti della festa di CNA il presidente Stefano Fabbri e le squadre giovanili dei “galletti”. Ogni forlivese, di ogni età, potrà poi cimentarsi in un calcio di rigore, tentando di battere il portiere del F. C. Forlì tra i pali: omaggi e cotillions a chi ci riesce!

Il CNA Day ospita da sempre mostre ed iniziative culturali: quest’anno andranno in scena le scienze naturali, con l’allestimento a cura del Gruppo Micologico Forlivese Antonio Cicognani della “39^ Mostra del Fungo città di Forlì”. Presenta gli spettacoli Massimo Carpani.

 

Possibile che ci siano stati tutti questi incidenti aerei di "AIR SHOW" nell'arco di poche settimane e prima non ne fosse mai capitato uno? Da Alba Adriatica, all'Airshow Aviadarts in Russia, allo scontro dei due aerei Slovacchi, allo schianto autostradale di Brighton in Inghilterra: un'incredibile concomitanza temporale di tragedie? O una "moda mediatica" che serve a far notizia?

Ecco un estratto dal libro di Igor Nogarotto ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) "Volevo uccidere Gianni Morandi" in cui si parla proprio del fenomeno della 'SCIA MEDIATICA', dove l'Autore si domanda: "Ha senso dare notizia di alcune morti e non di altre? Non hanno forse tutte pari dignità? Che rispetto si offre alle persone decedute e ai loro cari?", definendo poi i TELEGIORNALI un "bombardamento mediatico dalla forte componente deprimente" e citando Daniel Goleman che nella sua opera "INTELLIGENZA EMOTIVA" affronta l'argomento dei "notiziari pieni di queste cronache sulla disintegrazione della civiltà e del venir meno della sicurezza"

----

La PAURA dei nostri giorni è alimentata e si diffonde anche a causa di un’informazione giornalistica prettamente negativa.
Si crea spesso quella che io definisco la “Scia Mediatica”: un certo evento, diventa di “moda” e ne parlano tutti, per giorni. Esempio “morte sul lavoro”: più o meno random, un Tg, che evidentemente ha carenza di notizie o deve variare la routine del palinsesto, decide di mettere in primo piano l’argomento: da quel momento, "casualmente", iniziano a morire sul lavoro un sacco di persone ogni giorno.
E tutti i telegiornali ne parlano.
Possibile che prima questa tremenda disgrazia non sia mai avvenuta?
Certo che si sono verificati episodi simili, ma in precedenza, non faceva “comodo” parlarne. Poi invece, ad un tratto, “fa notizia”...
Che “informazione” è mai questa?
Ha senso dare notizia di alcune morti e non di altre?
Non hanno forse tutte pari dignità?

Che rispetto si offre alle persone decedute e ai loro cari?
Per fortuna comunque, accadono anche eventi positivi e sarebbe rassicurante sentirne parlare più spesso: servirebbe ad esorcizzare il senso di insicurezza sempre più dilagante dei nostri tempi…

http://www.ibs.it/voleuccideregiannimorandi
http://www.volevouccideregiannimorandi.it
Facebook:
https://www.facebook.com/groups/299512803484810/

Fin da bambino, ricordo che ogni sera, quando eravamo seduti a tavola per la cena, ero sottoposto ad una sorta di bombardamento mediatico dalla forte componente deprimente: il telegiornale.
E col tempo si è passati da 1 tg a vederne 3,4,5!!!!!
Sì, perché una volta si sceglieva se guardare il Tg1, il Tg2 o al limite il Tg5, in quanto andavano in onda in concomitanza... Poi, per differenziare l’offerta, hanno cambiato quasi tutti l’orario e si è arrivati a poter (ri)passare in una sera, di fila, Studio Aperto, il Tg4, a scelta il Tg1 o il Tg5 (o entrambi grazie alla nuova moda dello zapping) ed il Tg2 (e qualche “fortunato” c’ha pure Sky News 24!).
E, ad un certo punto, ho iniziato ad aver paura... a (ri)produrre nella mia mente immagini orribili... poi, ad alterare quelle visioni... fino ad avere incubi che trasfiguravano quelle scene...!
Sognavo che mi entrassero i ladri in casa di notte, che mi precipitasse un aereo sul tetto, che appena uscito dalla porta un carroarmato mi investisse o che il “fiume” Tiglione esondasse e che io e la mia famiglia morissimo tutti affogati... 
Ora, il Tiglione è un rigagnolo che “attraversa” Mombercelli nella zona “bassa” del paese, detta “La Piana”, ed è largo più o meno 2 metri... e considera che la nostra casa è posizionata al sicuro sulla collina, nella zona alta, a vari metri di dislivello... insomma, non poteva nemmeno lambire le nostre mura, ma io mi ci vedevo sommerso...
Oltre ai timori reali, l’’effetto informazione negativa’ amplifica le preoccupazioni, generando “angosce di fantasia”!

Hai mai pensato o sognato di vedere un Tg che dia buone notizie?!
Sì, un vero e proprio Tg dedicato: "IL TG DELLE BUONE NOTIZIE!".
Io sono stremato dal sentire parlare serialmente in tv di rapine, catastrofi, incidenti, morti, terremorti, stupri, malattie... Desidero ascoltare, almeno ogni tanto, qualche bella notizia perché, è vero che l’informazione è fondamentale e dobbiamo essere assolutamente aggiornati ed a conoscenza di ciò che accade in Italia e nel mondo, ma spesso, come nel caso della "SCIA MEDIATICA", la comunicazione è strumentalizzata, faziosa e parziale e quello che ci mostrano, non è un resoconto affidabile ed esaustivo...

Daniel Goleman nella sua opera dal titolo “Intelligenza emotiva”, rivoluzionaria per il mondo scientifico, ci spiega come la nostra emotività e la nostra emozionalità abbiano un ruolo decisivo nell'influenzare i nostri comportamenti: «Ogni giorno siamo raggiunti da notiziari pieni di queste cronache sulla disintegrazione della civiltà e del venir meno della sicurezza […] I notiziari, tuttavia, non fanno altro che riflettere, su scala più ampia, la strisciante sensazione che anche nella nostra vita, come in quella delle persone intorno a noi, le emozioni siano fuori dal nostro controllo […] Le cifre che ci mostrano un enorme aumento della depressione in tutto il mondo denunciano un malessere emotivo diffuso».







Contiene undici canzoni inedite che spaziano dal blues al rock

Le musiche composte da Sergio Albesano e i testi scritti da Cinzia Regini sono accompagnati dalla voce di tre cantanti diverse (Grazia Seccia, Antonella Varesano e la stessa Regini) e si avvalgono della collaborazione di Rocco Colicchio per quanto riguarda le tastiere, il basso e la chitarra solista

I Diva sono nati nel 2010 da un'idea di Albesano e Regini. Essi affermano: “Componiamo, suoniamo e cantiamo canzoni perché la musica ci dona emozioni. Ci piace suonare dentro al nostro garage, dove ogni giorno creiamo un mondo che ci conduce lontano, ma ci piace anche condividere le nostre emozioni con chi ha voglia di ascoltarci. La nostra filosofia è quella di offrire al pubblico quello che creiamo. Vendere o non vendere non rientra fra i nostri rischi. Ma, certo, se qualcuno volesse acquistare il nostro cd sarebbe il segnale che forse tutto il tempo e l'energia che abbiamo profusi vengono apprezzati.”

Il cd è in vendita a € 5,99 su tutte le piattaforme digitali (Itunes, Amazon, Spotify, ecc.), dove si può anche ascoltarne un anteprima.

E' in vendita anche da Queen music, in via Borgaro 45 a Torino




Altri articoli...

Pagina 10 di 61

10

Ci piace Samigo!



Brani inediti per Interpreti, richiedi informazioni

Vendita immobile zona LANGHE (Piemonte)

NINNA NONNA, la canzone dei Nonni

Il best seller "Volevo uccidere Gianni Morandi"

Italia vaffanculo



POPE is POP - New SAMIGO Production



Area riservata